"Querido doctorcito. Lettere di Frida Kahlo a Leo Eloesser"

Frida Kahlo (1907-1954) è indubbiamente una delle figure femminili più
straordinarie del Novecento: per il suo talento artistico, per la forza delle sue
passioni, per la radicalità delle sue scelte morali e politiche, per il coraggio
con cui seppe affrontare un’esistenza segnata dalla malattia e dal dolore.
Il volume Querido doctorcito. Lettere a Leo Eloesser , a cura di M. Cristina Secci, raccoglie le lettere –
pubblicate per la prima volta in Italia – che Frida scrisse a Leo Eloesser, suo
dottore di fiducia e amico.
Esse non solo ripercorrono il calvario della sua
malattia (com’è noto, da piccola Frida subì uno spaventoso incidente stradale,
che le fratturò la colonna vertebrale e le cui conseguenze la tormentarono per
tutta la vita, sino a condurla alla morte), ma anche illuminano il suo appassionato,
tormentato rapporto con Diego Rivera e il suo impegno politico e civile in quello
straordinario crogiolo di idee e di passioni che fu il Messico di quegli anni.

Cariche in egual misura di sofferenza e di gioia di vivere, queste pagine sono come
un autoritratto: uno di quegli autoritratti luminosi che Frida ci ha lasciato, in
cui ha magistralmente saputo esprimere se stessa, la sua vita e la sua arte, le sue
tragedie e i suoi sogni.

A cura di Maria Cristina Secci, Querido doctorcito. Lettere a Leo Eloesser
Abscondita 2010
€ 13,00

10 ottobre 2010
Condividi questo articolo
Iscriviti alla newsletter
Per aggiornamenti quotidiani (o quasi)

> Iscriviti
> Cancellati dalla lista