Giovanna MarturanoIl  22 febbraio 2017 alle ore 17,00 presso la sede dell‘Archivio Centrale dell’UDI, in via della Penitenza 37 verrà presentato il Quaderno su Giovanna Marturano. L’incontro sarà introdotto da Marisa Rodano mentre Annalisa Marino modererà il dibattito tra Fiorenza Taricone, Lidia Menapace, Patrizia Sentinelli e Alessandro Portelli.gio ma
Con la realizzazione di questo “quaderno” abbiamo avuto l’emozione di sentire ancora tra noi la presenza di Giovanna Marturano, figura potente e significativa del Novecento, grazie ad alcune testimonianze di chi l’ha conosciuta.
 Giovanna Marturano
Nata a Roma da famiglia sarda, studiò al Liceo classico Ennio Quirino Visconti nel rione Pigna e poi alla facoltà di architettura de La Sapienza, ma poi si ritirò poco dopo perché la sua famiglia nel 1936 si trasferì a Milano. Dopo il trasferimento a Milano divenne operaia e aderì al Partito Comunista Italiano che operava in clandestinità.
Con l'arresto di uno dei suoi fratelli nel 1938 venne schedata dalla polizia come "sovversiva" e scontò un mese di carcere per propaganda antifascista

Con l’arresto di uno dei suoi fratelli nel 1938 venne schedata dalla polizia come “sovversiva” e scontò un mese di carcere per propaganda antifascista

Con l’arresto di uno dei suoi fratelli nel 1938 venne schedata dalla polizia come “sovversiva” e scontò un mese di carcere per propaganda antifascista, nel 1941 a Ventotene sposò Pietro Grifone durante il suo confino durante il fascismo. Nel 1943 operò come staffetta partigiana all’interno delle Brigate Garibaldi, anche al fianco di suo marito Pietro Grifone che, dopo lunghi anni di detenzione per antifascismo, era stato liberato e rischiava la fucilazione. A guerra finita continuò la militanza politica, conciliandola con una vita familiare impegnata dal figlio Carlo e dalla figlia Anna, e continuando ad aiutare il marito Pietro, che aveva assunto incarichi politici di grande responsabilità, divenendo parlamentare del PCI ed uno tra i fondatori e dirigenti del movimento dei contadini nel Sud d’Italia, nel quale si distinse per moderazione e lungimiranza. Dopo la Liberazione è stata insignita della medaglia di bronzo al valor militare per il suo contributo alla Resistenza, avendo operato come staffetta all’interno delle Brigate Garibaldi. Successivamente fu nominata responsabile dell’archivio del PCI.
È presidente onoraria dell’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia) della provincia di Roma ed è costante negli ultimi anni la sua attività politica come memoria della resistenza.
Ha affermato, durante la celebrazione per la Festa della Liberazione del 2011 a Porta San Paolo a Roma, “ho 99 anni non voglio morire sotto Berlusconi”.
Nel 2012, a 100 anni, si iscrive al Partito Democratico, nel Circolo Nuovo Salario, che viene intitolato alla sua memoria nel 2013; nello stesso anno il consiglio d’istituto del Liceo scientifico statale Augusto Righi ha votato contro il suo intervento all’interno del liceo per l’incontro su “Resistenza a Roma”: la decisione ha suscitato polemiche e la dura reazione dell’ANPI. È morta a Roma all’età di 101, è stata ricordata dal sindaco di Roma Ignazio Marino nella persona del suo vice Paolo Masini presente alla commemorazione funebre] come una delle figure più importanti della resistenza romana.