Oltre al programma dellea settimana vi presentiamo il nuovo libretto della Casa Internazionale delle Donne con la sua storia e con i recapiti di tutte le associazioni e cooperative che operano nella Casa. Ricordiamo che l’associazione del Paese delle Donne fa parte dell’AFFI –Associazione Federativa Femminista Internazionale – che ha sua volta fa parte del Consorzio che gestisce la Casa Internazionale.

Lo potete consultare sul sito ma anche scaricare e stampare.

Oppure venitelo a prendere direttamente alla Casa.

per saperne di più

4 MAGGIO ore 18
I sessi sono due, di Antoinette Fouque  è una realtà di cui la storia dovrà fare ormai il suo quarto principio, oltre alla libertà, all’uguaglianza e alla fraternità, se vuole essere in accordo con i suoi ideali. Come può il riconoscimento intellettuale, sociale e politico di tale verità arricchire il processo di democratizzazione? Come pensare e praticare una cittadinanza che abbia la parità come principio?
Antoinette Fouque chiama femminologia questo campo di ricerca aperto recentemente accanto alle scienze umane, il cui scopo è arricchire positivamente la società attraverso il contributo delle donne. Le donne infatti, grazie al processo di concepimento e gestazione, sono psicologicamente portate all’accoglienza di un individuo altro da sé, e si pongono come modello attivo per una società aperta, tollerante e non xenofoba. La varietà degli scritti raccolti in questo libro rispecchia la pluralità dei campi esplorati dall’autrice: dalla politica alla cultura, dalla psicanalisi al difficile rapporto tra donne e religione. In queste pagine, prendono corpo la personalità, il pensiero e l’azione di una figura fondamentale per il Movimento delle donne.

Aiutano alla rilettura Lia Cigarini e Alessandra Pantano
ingresso a sostegno €5


5 MAGGIO ore 18

Alla presentazione del libro interverrà Maria Rosa Cutrufelli e saranno presenti la curatrice del volume Ester Rizzo e le coautrici Barbara Belotti, Loretta Junk.

Dall’autrice di “Camicette bianche. Oltre l’8 marzo” un libro miliare per la storia delle donne: mille primati al femminile – dalla scienza, alla politica, alla cultura – e le biografie che ci raccontano queste storie sconosciute o dimenticate.

Le Mille: i primati delle donne riunisce mille donne che per prime hanno realizzato un progetto, hanno ottenuto un riconoscimento, un’onorificenza, un incarico politico o lavorativo, un titolo di studio. Raccontano le donne che in tutto il mondo per prime si sono cimentate in imprese, mestieri e professioni di esclusivo dominio degli uomini; quelle che per prima hanno sfidato coraggiosamente pregiudizi e tabù.
Dalla scienza, alla politica, al giornalismo, all’arte, dallo sport alla religione, dalle donne in divisa, alle viaggiatrici, alle prime laureate e alle vincitrici del Premio Nobel: “Le Mille” mette in evidenza come in tutti i tempi, dall’antico Egitto ad oggi, gli stereotipi culturali hanno oppresso la metà del genere umano. 
È un’opera che vuole ricordare alle future generazioni che i diritti acquisiti dalle donne sono costati fatica ed a volte anche il sacrificio della stessa vita.
Il linguaggio utilizzato è rispettoso del genere e del corretto uso della lingua italiana, e mansioni ed incarichi sono declinati al femminile per fare risaltare la legittima presenza delle donne in tutti gli ambiti sociali e culturali, agevolando così la creazione di modelli paritari per le nuove generazioni.

Ada Negri, Marguerite Yourcenar, Ipazia, Leonilde Iotti, Maria Teresa d’Asburgo, Matilde Serao, Vittoria Giunti, Samantha Cristoforetti, Marie Curie, Grazia Deledda, Rita Levi Montalcini: le Mille sono un esercito pacifico che, attraverso i secoli e le nazioni, ha aperto la strada a milioni di altre donne che hanno deciso di intraprendere lo stesso cammino.

L’autrice:  Ester Rizzo, nata a Licata nel ’63, si è sempre occupata di tematiche relative al mondo femminile: è referente per la provincia di Agrigento del “Gruppo toponomastica Femminile” e responsabile della Commissione Donne, Pari Opportunità e Politiche Sociali del distretto FIDAPA. Collabora con testate giornalistiche nazionali e regionali; tiene il corso di “Letterartura al femminile” al CUSCA, Centro Universitario socio culturale adulti di Licata (ex Uni3).
Per il suo primo libro Camicette bianche. Oltre l’8 marzo (Navarra Editore, 2014) è stata premiata all’interno della Rassegna letteraria internazionale “Ghinnawa-Poetiche velate” del premio “A sud di Tunisi”, e ha vinto il premio “Arte e cultura siciliana Ignazio Buttitta”. Sono 20 a oggi i comuni italiani che grazie a questo libro hanno deciso di dedicare una via a una delle vittime del Triangle Fire.


5 MAGGIO  ore 20,30

L’ALBERO DI MAGGIO  Canti del Maggio e del Lavoro   Canti di questua dell’Italia centrale, canti di lotta e di lavoro, danze tradizionali.

Con Mauro Geraci, Gabriele Modigliani, Sara Modigliani, Stefano Pogelli, Gavina Saba, Laura Zanacchi.

Organizza: Circolo Gianni Bosio

 

 

 

 


6 MAGGIO ore 10

Donne Arte e Poesia, esperienze al femminile

La creazione è una precipua caratteristica femminile, ma per secoli è stata intesa solamente come creazione riproduttiva e, di fatto, alle donne fu preclusa la possibilità di accedere all’insegnamento delle arti “superiori”.

Al contrario la donna è stata molto spesso rappresentata come un “oggetto artistico” secondo dei canoni e soprattutto attraverso degli archetipi ben precisi. La rappresentazione della donna come santa,
vergine, oppure come simbolo della giovinezza eterna o come incarnazione del peccato, ha creato dei modelli in cui per secoli ci si è rispecchiate e che tutt’oggi influenzano la nostra femminilità. Uno sguardo approfondito sarà riservato alla poesia, arte in cui l’animo femminile si riflette facilmente, nella sua dolcezza, nella sua elevazione, non solo la poesia emozionale, ma anche la poesia civile di donne che non hanno paura di osservare e denunciare la realtà che le circonda.

Partecipano

Marcella Delle Donne
CULTURA MISOGINA E VALORE FEMMINILE
Penelope Filacchione
LA SCUOLA DELLE DONNE: PITTRICI E IMPRENDITRICI DEL CINQUE E SEICENTO
Marisa Camboni
EVA E LE ALTRE: UN VIAGGIO NEL MONDO FEMMINILE COME RAPPRESENTATO NELLA STORIA DELL’ARTE
Edda Billi
DONNE E POESIA EMOZIONALE
Concetta Alvaro
LETTURA DI POESIE
Teresa Dattilo
COORDINATRICE


INFISSI presenta OPEN HOUSE a cura dell’Associazione Culturale ESTHIA

 In occasione del Open House Roma e in prevvisione del decennale del 30.05.2017 dell’Associazione lo spazio sperimentale Esthia si presenta con una mostra collettiva di alcune artiste presenti in questi anni.

L’evento sarà accompagnato da un artist talk di Maria Rosa Jijon, una Sketch Performance di Kelly Medford, videoproiezioni, un laboratorio d’arte per i bambini tenuto da “Azucar” Casa Internazionale delle Donne e di un Buffet (a sottoscrizione per sostenere il progetto).

 Artiste presenti: Patricia Carmo Baltazar Correa, Katia Kanton, Giulia Cantisani, Valentina Carini, Silvia Stucky, Alessandra Giacinti (dal archivio) e Alice Ruzzettu.

 Progetto Esthia, un piccolo capannone industriale, in passato fu convento, fabbrica d’infissi, ristorante ed atelier delle artigiane della Casa Internazionale delle Donne. Dal 2007 diventa luogo di esposizione atipico, residenza d’artista, con una forte presenza non solo italiana ma anche di artiste straniere, dal Brasile al Giappone, dall’ Austria alla Romania. Un luogo di r-esistenza culturale in un contesto urbano in forte cambiamento.

 Strettamente dedicato alla promozione di artiste donne.

INAUGURAZIONE

Sabato 06 Maggio 2017 ore 11,00

OPEN HOUSE  06 Maggio – 07 Maggio

Via San Francesco di Sales, 1c, Roma

Programma:

Apertura: Sabato 6.Maggio ore 11.00

 Mostra collettiva  Laboratorio d’arte per bambini a cura di Azucar Casa Internazionale delle Donne.  Intervento Rosa Jijon Segretario culturale ILLA ore 17,30  Segue Aperitivo (a sottoscrizione)

 Domenica 7. Maggio ore 11 Mostra collettiva Sketch Performance Kelly Medford ore 15