In occasione della presentazione degli atti dell’Incontro nazionale separato
“Il personale è politico, il sociale è il privato”* contro la violenza maschile sulle donne, è stato annunciato il prossimo Incontro nazionale separato che si farà nella giornata del 15 dicembre, sempre a Roma , nello spazio sociale occupato dell’Ex51, dal tema “Memoria collettiva, Memoria femminista”.Ciao a tutte

Vorremmo che questo incontro potesse costituire {{un momento prezioso di condivisione, di consapevolezza e analisi}}, che arricchisse i singoli percorsi di nuove idee e pratiche, e che potesse anche significare la riappropriazione di una cultura conflittuale, di cui sono portatori i movimenti femministi e antagonisti in genere , che viene sempre più marginalizzata e criminalizzata. Riappropriazione che passa per la lotta contro i deliri securitari e il controllo sociale, contro la devastazione dei territori, la medicalizzazione, la gerarchia, l’espropriazione costante di tempi e modi di vita, contro lo sfruttamento, e in generale contro l’oppressione e la violenza di razza, genere e classe; riappropriazione che deve anche confrontarsi con l’enorme patrimonio che abbiamo ricevuto in eredità dal pensiero e dall’azione femminista.

Vorremmo {{trovare insieme forme di autodifesa e autorganizzazione}} che rifiutino la logica della vittimizzazione e della delega, mettere a valore l’esperienza accumulata in anni di lotte e farci noi stesse luogo di trasmissione di tale sapere. {{Riscoprire ciò che fu il movimento femminista rivoluzionario e saper rideclinare i suoi principi sulle nuove forme che il potere ha assunto all’interno della società pacificata e neoliberista}}, che procede frammentando il processo di soggettivazione per rendere sempre più problematico il riconoscimento di classe e di genere ed erodere spazi di autonomia e alterità. La trasmissione del sapere tra generazioni e all’interno della stessa è una grande forza, l’unica forse in grado di confrontare esperienze di lotta in ottica sincronica e diacronica, in modo da poter estrapolare elementi di continuità , invece che di discontinuità, tra ciò che combattevano le nostre madri e ciò che dobbiamo difendere e combattere oggi.

Partire dal privato e riconoscerne la valenza politica significa anche questo: assumere su noi stesse il patrimonio dell’esperienza e il sapere del nostro corpo, caricarci della responsabilità politica della nostra storia e della nostra consapevolezza, ed essere in grado di manifestarne la potenza.

{{
L’area della comunicazione sociale è l’area della vita sociale.}}

Sul terreno sociale, l’esistenza di un evento è strettamente legata al suo essere comunicato. Gli avvenimenti esistono quanto e in quanto vengono comunicati.

La prima scelta che il capitale fa è di dare o non dare comunicazione di un evento. E, in questo, ci agevola il compito perché ci dice dove quell’evento è collocato.

Successivamente avvelena l’informazione con la simulazione e la manipolazione. Ed ancora, con la selezione di tutti i testi e con la conseguente rimozione di quelli che entrano in contraddizione antagonistica con l’ideologia ufficiale.

E’ la trasformazione dei fatti accompagnata dalla selezione, per cui certi elementi vengono tradotti in testo ed altri, tramite la voluta dimenticanza, dichiarati inesistenti.

L’usura del tempo non c’entra con il fatto che una catena di eventi venga ad essere rimossa dalla memoria collettiva. La causa e i processi di dimenticanza e di oblio sono voluti e perseguiti attraverso{{ la falsificazione dell’esperienza storica, la produzione di ricordi sostitutivi, di codificazioni fuorvianti e fraudolente.}}

In definitiva, un far sapere diverso, la falsificazione di un evento, la sua rimozione e /o sostituzione.
{{
Si parla di un evento “trasgressore” non per rappresentarlo, ma per farlo esistere come elemento di legittimazione del potere}}. In tal modo, esso è{{ taciuto, per quanto riguarda il contenuto liberatorio e rivoluzionario,}} e parlato, per giustificarne lo stravolgimento-assorbimento, quando non la repressione.

In luogo del non far sapere , si sceglie di far sapere ciò che legittima il potere e, pertanto, funziona come strategia di controllo sociale.

La produzione di falsificazioni, mentre dissimula eventi sociali reali, ne propone una “rimodellizzazione” falsa.

E’ vera e propria controrivoluzione che si svolge e si pratica sul terreno dei linguaggi.

Le reti della comunicazione sociale si trasformano in un’occasione di scontro e la posta in gioco è la memoria di un genere, di una classe, di un’etnia….

L’esperienza passata condiziona quella futura e, dunque, si configura come codice dell’attività riproduttrice e, pertanto, la declinazione e la traduzione della memoria collettiva assumono una grande importanza.

Per questo, si tende a legittimare quei comportamenti del passato che non entrano in contraddizione con gli interessi di conservazione della società patriarcale e capitalista.

Per questo, è necessario{{ conquistare una memoria autonoma e collettiva della trasgressione femminista}}.

Se la produzione semiotica della borghesia si serve della inibizione della reminiscenza, della distruzione della memoria, della simulazione per controllare la coscienza e i comportamenti delle donne, queste ultime non possono non rifiutare il carattere “feticcio” ed alienato della memoria dell’ideologia vincente ed elaborare una memoria collettiva e sociale della loro identità rivoluzionaria e liberatrice.

La memoria è l’occasione per produrre nuove possibilità e dare un senso agli eventi presenti e futuri.
{{
La memoria del movimento femminista}} non edifica monumenti a sua gloria, ma ha un carattere decisamente creativo, vive nella dialettica e nella dialettica si alimenta e si espande.

Non teme la pluralità dei linguaggi, né il loro proliferare, bensì la loro assenza e la lettura e l’interpretazione che le missionarie del verbo borghese fanno, riducendo tutto nell’alveo di questa società e della sua conservazione, producendo, in questo modo, un’esclusione a priori, condannando all’oblio tutti quegli aspetti dell’esperienza storica e sociale del femminismo che erano legati ad un’ipotesi di superamento della società patriarcale e borghese.

Non è da questa lettura , meramente ed esclusivamente emancipatoria, non è da un assordante sgomitare per ottenere posti di comando e per fare carriera, che possiamo aspettarci la nostra liberazione.

{{Il femminismo non può abbandonare mai la lotta di liberazione }} che è possibilità di comunicare, di dare voce a tutte le lotte del presente come del passato e alle loro ragioni.

E’ portare fuori ogni lotta dall’ambito riduttivamente femminile, è {{vanificare così tutti i tentativi di ghettizzazione.}}

E’ smascheramento dei codici linguistici del potere che costituiscono la rete essenziale del controllo sociale.

E’ la capacità di investire tutti gli aspetti della vita: dal lavoro all’eros, dai sogni ai linguaggi quotidiani, dalla politica all’arte….

E’ rivoluzione totale.

{{Coordinamenta femminista e lesbica di collettivi e singole-Roma}}

coordinamenta@autistiche.org

www.coordinamenta.noblogs.org

* {v.} http://www.womenews.net/spip3/ecrire/?exec=article&id_article=10384

immagine da http://www.ondarossa.info/eventI/presentazione-degli-atti-dellincontro-nazionale-separato